Comunicato Stampa

Pubblicato Giovedì, 14 Maggio 2009 09:20
Visite: 3522

COMUNICATO STAMPA

 

Consumatori e lavoratori del trasporto ferroviario:Alla Sicilia serve il Treno.

 

 

 

 

E’ tempo di agitazioni per il trasporto ferroviario, con i lavoratori che stanno per avviare delle agitazioni che culmineranno, senza novità, in uno sciopero del settore foriero di disagi per i viaggiatori.

Adoc, Adiconsum, Federconsumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Sicilia Consumatori, Lega Consumatori, Legambiente, Unione Nazionale Consumatori, Codici e i Comitati dei Pendolari hanno incontrato oggi le organizzazioni sindacali per affrontare insieme i tanti probemi che attanagliano il settore. Per i lavoratori erano presenti Filt CGIL, Fit Cisl, Uil trasporti, Fast Ferrovie, Or.S.A., Ugl A.f.

Nel corso della riunione le parti hanno concordato che per evitare che il settore ferroviario possa passare nel dimenticatoio delle priorità siciliane, occorre fermare il depotenziamento dei servizi e  il ridimensionamento della rete siciliana. C’è il rischio per la Sicilia di essere tagliata fuori dall’integrazione con il sistema nazionale.

I consumatori, dal canto loro, hanno sottolineato come, senza ferrovie, i costi per ogni siciliano, sia per il trasporto che per il potenziale di sviluppo economico, sono enormi. “Per ogni chilometro percorso in auto, spendiamo 50 centesimi tra costi diretti e indiretti, mentre con le ferrovie il costo industriale si riduce a meno della metà. Inutile dire che senza investimenti ci avviamo verso un futuro ad altissimo impatto ambientale, nonchè di ulteriore riduzione del potenziale di sviluppo.

Le parti hanno quindi previsto ulteriori incontri per elaborare proposte di sviluppo e iniziative per soluzioni anche immediate soprattutto per il pendolarismo.

Va da sé che una diversa attenzione per il trasporto su rotaia avrebbe un impatto immediato sul reddito dei siciliani, segno che alla “Sicilia …. serve il treno”.

Palermo, 13 aprile 2009